Soprattutto per chi si ciba di meme, la fase 2 del lockdown italiano è circoscrivibile a una frase, pronunciata dal premier Giuseppe Conte: “Se ami l’Italia, mantieni la distanza”. Di per sé un concetto ragionevole, ma pronunciato con ‘quel’ tono che ha finito per scatenare l’internet intero – e lasciando presupporre, a molti, che la fregatura possa essere dietro l’angolo. E infatti oggi vi proponiamo una selezione di film, più una serie TV, incentrati su una serie di varie e possibili altre beffe . Buona visione.

 

VIVIANA ASTAZI CONSIGLIA ANIMALI NOTTURNI

La vendetta va servita fredda, magari tramite le pagine di un libro. Questa la beffa nel secondo film di Tom Ford. Un thriller atipico, crudo e crudele, che colpisce il cuore e le viscere dello spettatore come la lama spietata di un coltello. Tutto inizia con Susan (Amy Adams) che riceve dall’ex marito Edward (Jake Gyllenhaal) l’anteprima di un manoscritto destinato alla pubblicazione. Durante il weekend la lettura inizia e con essa tornano i fantasmi di un passato mai del tutto dimenticato. Tra sensi di colpa, rimpianti e desiderio di una seconda chance, Animali notturni esplora e amplia il significato di tradimento e vendetta con un finale secco che resta impresso nella memoria di chi guarda.

Disponibile su Netflix

 

FRANCESCO CASTAGNA CONSIGLIA FEBBRE DA CAVALLO

«Ma chi è er giocatore de’ cavalli?» è con questa frase che Bruno Fioretti, detto ‘Mandrake’, tenta di spiegare alla Corte dove è imputato, una storia senza fine, fatta di inghippi, stratagemmi e truffe per rimediare ogni giorno il pane per vivere. Ma vivere in che modo? Perennemente senza un soldo in tasca, er Mandrake, er Pomata e Felice Roversi sono la perfetta rappresentazione degli scansafatiche di un’Italia degli anni ’70. Ognuno di loro ha però un’abilità che li porterà ogni volta a rimediare del denaro facile per portare avanti la loro “società”, per la quale si venderebbero letteralmente ogni cosa e arriverebbero a fare la qualunque, fino a rapire una persona…

Disponibile su Google Play e DVD

 

NATALE CIAPPINA CONSIGLIA SKAM ITALIA

Quando le protagoniste sono delle ragazze ma anche dei ragazzi di un liceo romano, oltre all’avere il pelo sullo stomaco, aspettarsi la beffa dietro l’angolo diventa d’obbligo. Dato il contesto, ipotizzare che Skam Italia sia solo un altro telefilm adolescenziale è comprensibile; se non fosse che, al contrario, Skam Italia è la miglior serie TV italiana: lo è soprattutto per la sua scrittura, calcata dalla realtà, con dialoghi che attraversano in maniera tridimensionale le problematiche dei sedicenni di oggi e di sempre, quindi amore e tresche e tradimenti e litigi; ma trattando pure temi più delicati, come quelli dell’omosessualità e del multiculturalismo, ed evitando però il tono spesso pedante di certe produzioni italiane.

Disponibile su Netflix e Tim Vision

 

ALESSANDRA D’IPPOLITO CONSIGLIA STILL ALICE

Perdere se stessi, una paura che Alice non aveva mai considerato prima, ma che purtroppo era scritta nel suo destino. La comunicazione era la sua passione e proprio quell’amore per le parole l’aveva resa la migliore linguista della Columbia University. Poi un giorno la sua mente ha iniziato ad annebbiarsi, portandosi via sapere, pensieri e ricordi. In poco tempo quello che l’aveva resa la donna brillante che tutti stimavano si sgretolava inesorabile nei cassetti della sua memoria. Un film struggente, con una strepitosa Julianne Moore, che mostra la difficile realtà di quel morbo che cancella ciò che eri e ciò che sei. Sarà l’amore della figlia a farla sopravvivere, facendole sperare di essere ancora la Alice di un tempo.

Disponibile su Google Play e DVD

 

EMILIANO DAL TOSO CONSIGLIA VI PRESENTO TONI ERDMANN

Può esistere una commedia tedesca di 2 ore e 45 minuti capace di divertire e commuovere, senza mai annoiare? Sì, sempre che si sia disposti a qualche mazzata emotiva per nulla indifferente: il rapporto tra il papà burlone Winfried e la figlia workaholic Ines è di quelli che improvvisamente lacerano l’anima. Perché è un gioco di maschere che rivela l’incomunicabilità affettiva che caratterizza il nostro presente. E perché semina il dubbio che tolti i panni del clown si faccia davvero fatica a rimanere soli. Beffe intese non soltanto come scherzi innocui, ma come sentieri del destino che, divertenti o faticosi, siamo costretti a percorrere

Disponibile su Amazon Prime Video

 

MATTIA GIANGASPERO CONSIGLIA CAMBIA LA TUA VITA CON UN CLICK

Michael Newman è un architetto in carriera. Sarebbe un padre e un marito affettuoso se non fosse per il lavoro, che assorbe ogni sua energia mentale e lo rende irascibile. Non si rende conto del fatto che proprio il fantasma dell’agognata promozione e delle belle cose che potrà regalare alla famiglia lo sta inesorabilmente allontanando da loro. Inoltre, una delle infinite fonti di nervosismo è quella di non scovare mai il telecomando, quando la sera vorrebbe rilassarsi a vedere la TV. Un sabato Michael si reca in un negozio per acquistare un nuovo telecomando, ma finisce sul retro, dove incontra il misterioso Morty, che gli consegna, ‘gratuitamente’, un telecomando multi-uso per la vita: uno strumento che farà molto di più che accendere e spegnere la TV.

Disponibile su Google Play

 

ANNAROSA LAURETI CONSIGLIA GOODBYE LENIN

Il crollo del muro di Berlino nel 1990 e la riunificazione della Germania sotto l’egida della Repubblica Democratica Tedesca. In Good Bye Lenin! a riscrivere la storia internazionale è Alex Kerner, giovane ex cittadino della DDR. Vittima dello scherzo invece è la madre Christiane. Per lei, fervente socialista appena risvegliatasi da un coma lungo otto mesi, la scoperta della disfatta degli ideali da sempre sostenuti potrebbe essere fatale. E così, per evitare il peggio, si cerca, per quanto possibile, di nascondere l’avanzata del consumismo, l’invasione delle multinazionali, il dilagarsi di fast food e TV satellitari. Quella di Alex è una beffa a fin di bene, realizzata a colpi di finti telegiornali e vecchi barattoli di cetrioli Spreewald.

Disponibile in DVD

 

MARIANNA MANCINI CONSIGLIA BLUE JASMINE

Le variabili del destino sfuggono alle furbizie degli arguti. Jasmine si crede una delle mogli più invidiate di New York, ma la sua favola termina all’improvviso, dopo aver scoperto che il ricco marito Hal è in realtà un truffatore. Stravolta e indebitata si traferisce a San Francisco dalla sorella Ginger dove, per ricominciare, affina spiccate doti persuasive. Cate Blanchett interpreta con maestria il crollo emotivo di una donna, che non accetta di aver perso privilegi e fama. Un dolore capace di offrire attimi di verità. «C’è un limite ai traumi che una persona può sopportare, prima di mettersi a urlare in mezzo alla strada», ma il solo modo per determinare il confine che ci separa dalla disperazione è superarlo.

Disponibile su Google Play e DVD

 

CLAUDIO ROSA CONSIGLIA THE DEPARTED

Un magistrale poliziesco diretto da Martin Scorsese, fatto di menzogne e (mezze) verità. Matt Demon è un intraprendente detective che cerca di far carriera con ogni mezzo, Leonardo DiCaprio un poliziotto con tante aspettative che lavora sotto copertura nella gang dell’irlandese. È questo The Departed, il luogo dove bene e male si mescolano, diventando la stessa cosa. Riprendendo le parole di Jack Nicholson, nella vita possiamo diventare preti o criminali, ma quando abbiamo una pistola carica, qual è la differenza?

Disponibile su Netflix, Infinity e Mediaset Play

 

MANUEL SANTANGELO CONSIGLIA FUORI ORARIO

Quanto tempo ci vuole per uscire dal lavoro e bere un bicchiere di vino prima di andare a casa? Anche se certe abitudini sembrano appartenere a un passato remoto, la risposta dovrebbero ricordarla tutti: «non molto». Il destino però a volte capriccioso e complica anche i progetti più semplici. Chiedere per informazioni al protagonista di Fuori Orario, destinato a venire fagocitato suo malgrado in mille avventure improbabili in una infinita notte newyorchese. Il rocambolesco tourbillion di beffe in cui viene invischiato il programmatore informatico interpretato da Griffin Dunne ci ricorda che abbiamo ben poco controllo sulle nostre vite. Spesso e volentieri, dobbiamo accontentarci di saper gestire in qualche modo l’imprevedibilità delle nostre esistenze.

Disponibile su Google Play