Immaginate dei ratti che, dotati di microcamere e ricetrasmettitori, si infilino sotto le macerie di un edificio crollato e raggiungano eventuali feriti per metterli in contatto con i soccorritori. Sembra una scena da film sci-fi, eppure l’ultimo esperimento dei ricercatori della Zhejiang University rende più concreta questa possibilità.

I ratti cyborg possono infilarsi sotto le macerie di un edificio crollato per raggiungere eventuali feritiGli studiosi cinesi hanno infatti creato, per la prima volta, un’interfaccia che permette agli esseri umani di guidare i ratti all’interno di un complesso labirinto. In pratica, nel cervello delle cavie vengono inserite quattro paia di microelettrodi, che ricevono – con la mediazione di un computer – i segnali cerebrali di una persona sotto forma di ‘istruzioni’. In tal modo, animali telecomandati possono essere impiegati in operazioni di ricerca e soccorso. C’è tuttavia chi teme che l’invenzione rappresenti un deciso passo verso la creazione di potenti strumenti di controllo mentale.

Per saperne di più, leggi l’articolo completo su Futurism.