Una nuova frontiera dell’audiolibro unisce la lettura del testo a note aggiuntive e colonne sonore. I bookcast non sono una novità, ma l’ultimo annuncio di Spotify li riporta all’attenzione di molti: la piattaforma produrrà, infatti, il bookcast di Run, Rose, Run, la storia di una donna che desidera diventare musicista, ma che nasconde un tremendo segreto che rischia di rovinare il suo sogno.

Il nuovo format fonde la narrazione audio dello scrittore americano James Patterson e le canzoni, le musiche e gli elementi sonori originali registrati dalla star statunitense di musica country Dolly Parton. La collaborazione ha dato vita a un prodotto in dieci puntate, fruibile gratuitamente solo su Spotify, che dà nuova vita al capolavoro thriller di Patterson. La novità non è solo il romanzo-podcast in sé: quella composta da Dolly Parton è la prima colonna sonora creata espressamente per un bookcast, iniziativa che segna un altro passo avanti nell’evoluzione degli audiolibri.

Un  bookcast non è altro che la versione estesa e arricchita del libro in formato audio e aggiunge quindi informazioni extra alla lettura. L’idea di unire i libri a delle note audio è nata in ambito accademico, da studenti che si scambiavano commenti vocali a spiegazione dei capitoli e dei testi studiati, ma si è presto evoluta attraverso progetti ambiziosi e innovativi per approfondire diversi aspetti di un libro, di un audiolibro o di un ebook, esterni alla lettura stessa. Uno di questi è The Bookcast Club, un aggregatore di vere e proprie chiacchierate sui libri nato nel 2017 dall’idea di due amiche con il fine di simulare i club del libro, ma in versione digitale.

Questa evoluzione degli audiolibri ha dato vita a nuove forme di content creator, i quali hanno il merito di provare a far avvicinare e appassionare le nuove generazioni alla lettura: i booktuber, che sfruttano la piattaforma YouTube, e i booktoker, che pubblicano i loro video su TikTok. Anche in radio esistono tentativi analoghi, come nel caso dei giornalisti spagnoli di RTVE che su Radio3 discutono dei grandi classici della letteratura con linguaggi e modalità di lettura più moderni.

Per saperne di più, continua a leggere sul Giornale della Libreria.