Il New York Times sta per lanciare un prodotto d’informazione per ragazzi in abbonamento. Come rivelato in anteprima da Axios, questo nuovo progetto si chiamerà NYT Kids e si baserà sulla sezione presente nella versione cartacea del quotidiano, lanciata nel 2017 e che dal 2018 appare mensilmente sul Sunday New York Times.

NYT Kids sarà un’app che aiuterà i bambini di età compresa tra gli 8 e gli 11 anni a  esplorare una serie di argomenti e attività tra cui artigianato, ricette, esercizi per la mente e attività fisiche.   Gran parte del contenuto conterrà esperimenti su “come fare”. Il prodotto è ancora nelle prime fasi di sviluppo, e per ora sarà testato solo negli Stati Uniti.

La creazione di una piattaforma dedicata ai bambini presenta delle sfide uniche, in particolare sul versante del trattamento della privacy. È per questa ragione,  per garantire la privacy online dei più piccoli, che l’azienda sta lanciando questo prodotto come app indipendente  rispetto all’edizione digitale del quotidiano. NYT Kids inoltre non mostrerà pubblicità, ma si sosterrà tramite le sottoscrizioni: “Oltre agli introiti degli abbonamenti in sé, è anche un’opportunità per iniziare effettivamente a parlare con le persone all’inizio della loro vita prima che possano essere pronte per un prodotto del New York Times”, afferma il responsabile David Perpich.

“È un’opportunità per iniziare a parlare con le persone prima che possano essere pronte per un prodotto del New York Times”, dice il responsabile del Nyt David Perpich.

Con NYT Kids il Times entra sul mercato delle news pensate per i ragazzi, ora che è sempre più affollato. Negli ultimi anni infatti anche il Time e NowThis News hanno lanciato due prodotti simili, il primo in abbonamento ed il secondo gratuito, ma supportato dalla pubblicità. E tante altre aziende editoriali stanno puntando su questo segmento di mercato,  ora che l’apprendimento da casa è più diffuso, e i genitori sono più disposti a pagare per prodotti editoriali educativi per i loro figli. 

Un esempio molto chiaro di questa tendenza è The Week Junior, una rivista settimanale di attualità destinata ai ragazzi, lanciata all’inizio della pandemia, e che ora ha 75mila abbonati. La rivista viene utilizzata da centinaia di educatori e genitori negli Usa, alla ricerca di risorse per aiutare i bambini a casa ad apprendere. Oltre agli altri progetti già citati, anche NBC Nightly News ha lanciato un’edizione per bambini della sua trasmissione, mentre il canale per ragazzi Nickelodeon ha fatto il percorso inverso, assumendo l’ex produttrice di 60 Minutes Magalie Laguerre-Wilkinson per guidare la loro divisione di notizie per bambini.  Un trend che dimostra che se i giornali vogliono allungarsi la vita, devono parlare ai più giovani. 

Continua a leggere su Axios