Mercoledì 3 maggio si è celebrata la Giornata mondiale della libertà di stampa e l’Ordine dei Giornalisti del Piemonte insieme all’Associazione Stampa Subalpina hanno scelto questa data simbolica per l’inaugurazione della Casa dei Giornalisti a Torino, che si è tenuta a Palazzo Ceriana Mayneri, sede del Circolo della stampa torinese dal 1957. La Casa dei Giornalisti è diretta dal presidente dell’OdG Piemonte, Stefano Tallia ed è un luogo virtuale dove i padroni di casa sono notizie e dibattiti. L’obiettivo di questo progetto è quello di stimolare un confronto sano sui temi legati all’informazione, fondamentali per la democrazia del Paese intero. Con l’occasione è stata, inoltre, conferita la tessera d’iscrizione ad honorem a Sepideh Gholian, la giornalista iraniana arrestata nel 2019 per aver denunciato gli abusi e le storture del regime e divenuta, per questo, un simbolo della lotta per la democrazia e i diritti civili.

All’inaugurazione erano presenti il presidente della Regione Alberto Cirio e il sindaco di Torino Stefano Lorusso. Il primo cittadino ha sottolineato che «i giornalisti non devono mai avere paura a dire la verità. La stampa può fare tanto, può fare tutto purché al centro del suo agire ci sia sempre la notizia vera». «Come istituzioni siamo a fianco dei giornalisti, con i quali da sempre collaboriamo in modo aperto e nel nuovo Palazzo della Regione ci sarà anche un’area a loro dedicata  ha aggiunto il governatore . I giornalisti ci sono sempre, ricordo durante il Covid, quando la città era un deserto e ovunque c’erano problemi, ovunque c’erano i giornalisti a fare il loro lavoro».

Per saperne di più, continua a leggere su Primaonline.it.