Anche gli scrittori italiani avranno un proprio social network. Blopolis ha l’obiettivo di far conoscere le loro opere e far guadagnare senza mediazioni o barriere, a volte imposte dalle piattaforme tradizionali e dagli algoritmi dei canali digitali. La novità di Blopolis è il fatto di rivolgersi direttamente a chi scrive libri e il successo di un’opera è legato al talento e alla capacità di conquistare in modo diretto il pubblico dei lettori. Quanti più blop – le reazioni positive del pubblico – si conquisteranno, tanta più visibilità e riconoscimenti si avranno all’interno del social.

L’idea di questa piattaforma è di Saro Trovato, sociologo, esperto di media e fondatore di Libreriamo, una community nata dieci anni fa e dedicata a libri e cultura. «Abbiamo voluto metaforicamente creare una “città virtuale” totalmente abitata dagli amanti del mondo del libro. La vita in Blopolis si svolgerà confrontandosi costantemente con persone che vivono e condividono questa passione», ha affermato l’ideatore, che ha poi ribadito come la piattaforma cercherà di evitare in tutti i modi la presenza di profili non interessati al progetto. Per entrare a far parte della community basterà iscriversi e, attraverso il proprio profilo, scegliere di scrivere un racconto, una poesia o una recensione da pubblicare subito. I libri pubblicati potranno anche essere comprati direttamente da Amazon e, in futuro, attraverso altri canali distributivi e-commerce e fisici.

Blopolis nasce anche come strumento di “editoria fluida“, in linea con le nuove esigenze e le profonde trasformazioni dell’industria del libro: la piattaforma rappresenterebbe non solo un’opportunità per gli scrittori, ma anche per gli editori che potranno dar spazio al loro catalogo, scoprire nuovi talenti e metterli sul mercato. Questo nuovo social vuole sostenere il self-publishing e il crowd-publishing e mira a creare un legame sempre più solido tra gli storyteller e il mondo delle aziende. La rivoluzione è arrivata anche in Italia, ora tocca agli scrittori cercare nuove idee e lanciarsi in questo nuovo mondo.

Per saperne di più, continua a leggere su Giornaledellalibreria.it.