In vista delle elezioni dell’8 giugno nel Regno Unito, l’HuffPost UK punta tutto sui video per fornire un’informazione trasparente e puntuale. L’idea nasce dall’esperienza delle elezioni presidenziali americane, da cui media e sondaggi sono usciti sconfitti. “Il lettore si aspetta che facciamo le cose in modo diverso”, ha dichiarato Paul Waugh, direttore esecutivo della sezione politica dell’HuffPost UK. “Per la copertura elettorale, vogliamo parlare con le persone in modo concreto e non fermarci alle promesse elettorali dei politici di Londra”.

Gli editori del giornale pensano che il video sia lo strumento adatto per produrre contenuti di qualità. Così la redazione confezionerà 30 video settimanali per la diffusione delle notizie sulle elezioni (contro i 20 attuali) e il numero è destinato ad aumentare con l’approssimarsi della data del voto. Potranno assumere la forma di miniserie, blog o video a 360° gradi, e saranno distribuiti sul sito dell’HuffPost, su Facebook, YouTube, Twitter e Instagram. Quelli indirizzati al pubblico più giovane troveranno spazio anche su Snapchat.

Fa parte del progetto anche l’iniziativa Beyond Brexit, una sezione dell’HuffPost UK che vuole dare voce alle priorità degli elettori al di fuori del clamore delle campagne elettorali. I temi affrontati sono l’integrazione, la cura sociale, il finanziamento della scuola e la qualità dell’aria. “Molti lettori dell’HuffPost sono lavoratori”, ha spiegato Waugh, “e vogliono dare voce ai loro bisogni”.

⇒Per saperne di più leggi su Digiday