Durante le vacanze natalizie Andrea Sachs, travel reporter del The Washington Post, si trovava in una fattoria a Sequim, Washington, per prendersi cura degli animali in assenza dei proprietari. Una sera, racconta, riceve un messaggio dai padroni di casa: «Abbiamo dato un’occhiata alle ragazze e sembrano contente». Un modo gentile, quanto inquietante, di dire alla giornalista che stava facendo un buon lavoro. Ma loro, che si trovavano a Denver, a più di mille miglia di distanza, come erano riusciti a dare “un’occhiata” agli alpaca? Così la giornalista, allarmata, si mette in cerca di telecamere di sorveglianza di cui non era stata informata. Le trova nel vialetto principale della fattoria e intorno al recinto degli animali. Il sito online della casa dove Sachs stava passando le sue vacanze indicava sì la presenza di telecamere esterne, ma le viene il dubbio che alcune telecamere possano trovarsi anche all’interno della casa.

Esistono infatti telecamere meno evidenti e più malintenzionate, soprattutto negli alloggi delle casa vacanza. Come scoprirle? Secondo gli esperti di sicurezza, con i giusti indizi. Joe LaSorsa, fondatore e presidente di LaSorsa and Associates, spiega che la maggior parte delle telecamere sono dispositivi commerciali disponibili su Amazon o eBay e non sono strumenti sofisticati come nei film. Per dimostrare come “scovare” eventuali telecamere nascoste, LaSorsa ha condotto una ricerca simulata in una casa privata, usando strumenti a portata di mano di tutti. 

Le leggi sulla privacy

I proprietari di case e i gestori che affittano tramite piattaforme come Airbnb spesso utilizzano telecamere per proteggere la loro proprietà e per tutelarsi, non per spiare gli ospiti. Anche se la sorveglianza può sembrare una violazione della privacy - di fatto le telecamere nascoste in stanze private come camere da letto e bagni sono illegali – è invece lecito installare telecamere esterne per scopi di sicurezza, purché se ne dichiari la presenza. Airbnb ha vietato l’uso di telecamere di sicurezza interne solo lo scorso marzo, seguendo le politiche di Vrbo e Trusted Housesitters. LaSorsa ritiene però che queste nuove restrizioni potrebbero spingere alcuni proprietari a installare telecamere clandestine. Ed è per questo che lui stesso spiega come ispezionare la casa in cui si soggiorna. 

Come ispezionare la casa in affitto

LaSorsa consiglia di spendere non più di 30 minuti per ispezionare la casa in affitto alla ricerca di dispositivi nascosti. Per farlo, può bastare solo un cellulare. La prima cosa da fare è cercare oggetti collegati alla corrente, poiché le telecamere nascoste hanno bisogno di una fonte di alimentazione duratura – le telecamere a batteria, quelle inserite nell’occhio della giraffa di quel quadro nel bagno, durano solo poche ore. Oggetti comuni come caricabatterie USB, rilevatori di fumo e prese multiple possono nascondere telecamere, in quanto collegate alla corrente. 

Controllare le connessioni WiFi

Attraverso l’app gratuita AirPort Utility è possibile vedere quali dispositivi sono collegati alla rete WiFi della casa. Se si trovano connessioni sospette, potrebbe essere un segno della presenza di telecamere nascoste. Ad esempio, un rilevatore di monossido di carbonio che appare nella lista delle connessioni WiFi è un segno inequivocabile di un dispositivo video piazzato senza alcun avviso.

Test della torcia e codici QR

Dopo aver identificato oggetti sospetti, è possibile usare la torcia del telefono per cercare piccoli riflessi che potrebbero indicare una lente. È possibile trovare anche codici QR misteriosi che potrebbero essere utilizzati per collegare il dispositivo a un’app.

Utilizzare rilevatori di frequenza radio e termici

Per confermare le tracce di telecamere nascoste trovate via telefono, è possibile usare un rilevatore di frequenza radio (RF) per misurare l’output RF degli oggetti sospetti. Questi dispositivi riconoscono l’energia RF da 20 megahertz a 6 gigahertz. Un test più sicuro è l’uso di un rilevatore termico per misurare la quantità di calore emessa dall’oggetto: le telecamere nascoste tendono a emettere più calore.

Cosa fare se trovi telecamere

Se, alla fine, si trova una telecamera nascosta, è consigliato scollegare il dispositivo o coprire l’obiettivo, ma senza rimuoverlo per evitare accuse di danneggiamento in proprietà privata. Gli esperti consigliano di segnalare la violazione sia alla piattaforma di affitto – come Airbnb o Booking – o alle autorità locali nel caso in cui la telecamera si trovasse in una zona sensibile.  

Per approfondire clicca QUI.