Mancanza di adeguati dispositivi di protezione personale e contatto continuo e diretto con pazienti infetti: medici e infermieri rappresentano la categoria più esposta al Coronavirus. La telemedicina potrebbe risolvere il problema. Boston Dynamics ha sviluppato un software che permette di limitare la presenza fisica degli operatori sanitari negli ospedali.

Si tratta di un robot dalle sembianze canine, Spot, equipaggiato con iPad e due ricetrasmittenti, permetterà al personale ospedaliero di assistere i pazienti in videoconferenza. Saranno i dottori stessi a controllare da remoto il quadrupede robotico, il quale – tra le altre cose – consentirà di non mettere sotto pressione le scorte di dispositivi di protezione per gli operatori sanitari.

Nuove funzioni potrebbero peraltro essere sviluppate. «Per supportare in modo più completo il sistema sanitario, sarà necessario comprendere come misurare da remoto la temperatura corporea, la frequenza respiratoria, il battito cardiaco e la saturazione», ha dichiarato in un comunicato l’azienda americana. Ma non solo. Spot potrebbe anche essere in grado di provvedere alla sanificazione di ospedali o stazioni della metropolitana grazie all’installazione di un dispositivo che irradia luce UVC, la radiazione ultravioletta germicida.

Per saperne di più, continua a leggere su Futurism.com

 Immagine di copertina: Boston Dynamics