Tra i mezzi primari di trasmissione del Coronavirus ci sono le mani, che entrano in contatto con superfici contaminate e con le quali poi ci tocchiamo bocca, occhi e naso. Per questo, è consigliato lavarle spesso e disinfettare gli spazi frequentemente. Ma, solo per fare un esempio, non è possibile sanificare continuamente le centinaia di maniglie delle porte presenti in un ospedale. Eppure la maniglia è proprio la superficie che, come è chiaro già dal nome, passa sotto le mani di tutti.

È proprio a questo problema che ha pensato e trovato una soluzione Materialise, uno studio di fabbricazione digitale belga, che ha progettato e realizzato con una stampante 3D un piccolo oggetto, facile da montare sulla maniglia, che permette di aprire semplicemente una porta con l’aiuto del braccio. Infatti, durante il processo di elaborazione dell’idea, un team di esperti ha accertato che aprire una porta con un braccio coperto piuttosto che con la mano è d’aiuto nel limitare la diffusione del Covid-19.

Materialise ha reso disponibile gratuitamente il file del progetto, cosicché chiunque possa usufruirne e fare la sua parte nella lotta alla pandemia. La Mayo Clinic, importante ospedale statunitense, ha accolto con favore l’idea ed ha già stampato i primi “hands-free door openers”. Una misura semplice ma che potrebbe far la differenza per fermare la diffusione del contagio.

Per saperne di più, continua la lettura su Design Boom