Creare per resistere al lockdown, ovvero l’arte come antidoto alla solitudine. Questo è quello che centinaia di artisti digitali cinesi stanno facendo per sopravvivere al coprifuoco di Shanghai, uno dei più duri che la popolazione cinese abbia affrontato negli ultimi due anni. Il 4 aprile 2022 alcuni di loro hanno aperto un canale dal titolo Popaganda Shanghai su OpenSea, il più grande mercato online di NFT. L’iniziativa sta riscuotendo grande successo e ospita anche altri NFT derivati dalle lamentele sullo stato della città diffuse su Weibo, uno dei social network cinesi più frequentati, messi in vendita insieme alle immagini scattate all’interno dei centri per la quarantena.

La politica dei contagi zero” imposta dal governo di Pechino ha costretto gli oltre 29 milioni di abitanti della capitale finanziaria del Paese a rimanere chiusi in casa per settimane. Fuori, la polizia, aiutata dai droni, controlla che nessuno esca dai palazzi, gestisce gli approvvigionamenti e le file per i tamponi. Le autorità hanno persino creato dei campi di concentramento per isolare gli asintomatici, come mostrano ormai da diverso tempo i profili social di stranieri costretti a casa senza possibilità di poter rientrare nel proprio Paese.

Così, i cittadini hanno deciso di denunciare la situazione sfruttando la blockchain per trasformare scatti e clip in token digitali. Tra questi, 786 pezzi in vendita sono relativi a The Voice of April, un video di sei minuti che immortala le voci di protesta dei residenti durante la notte del 22 aprile 2022, a testimoniare la condizione distopica in cui sono costrette a vivere le persone.

Le vignette in vendita su Popaganda ironizzano sulla retorica comunista, riprendendo lo stile grafico dei manifesti sovietico-cinesi degli anni Quaranta, e lanciano slogan contro le istituzioni del Paese. “Chiamata zoom interrotta”, “Rimani Negativo”, “Io non sono incinta” sono solo alcune delle frecce che gli artisti scoccano verso il governo cinese ricorrendo all’arma dell’ironia per esprimere la loro protesta.

Per saperne di più, continua a leggere su Mashable.com.