La politica è a volte inaccessibile. Un linguaggio troppo tecnico e la mancanza di percorsi di educazione civica nelle scuole rendono complicato comprendere chi e cosa votare. Un vuoto colmato dai giovani stessi, che non rinunciano al voto informato e ad approfondire le dinamiche della realtà che li circonda. Pronti (o quasi) per il voto, con una certezza: l’importante, per tutti, è essere consapevoli di quale sarà l’impatto sul futuro.