Scrivere un articolo richiede tempo. Trovare un’idea valida; raccogliere informazioni; intervistare un esperto. Se i primi due step costituiscono know how esclusivo del giornalista, che ne gestisce dunque la tempistica, il commento di un introvabile specialista può creare non pochi problemi.

La soluzione viene fornita da ExpertFile, piattaforma per consulenze marketing che offre, tra gli altri servizi, la possibilità di contattare esperti in modo rapido. «Nell’Era delle fake news, vogliamo essere certi che si possa parlare con le persone giuste. E controllare accuratamente chi sia il nostro interlocutore è un processo lungo», ha detto Peter Evans, co-fondatore di ExpertFile.

Il funzionamento è semplice. Digitato nel motore di ricerca del sito una o più parole chiave – è possibile scegliere tra quarantamila argomenti – si avranno a disposizione profili completi (curriculum vitae, pubblicazioni)  di tutti coloro che potrebbero essere figure adatte per rispondere a domande specifiche. Si tratta perlopiù di docenti universitari provenienti da varie parti del mondo. E con cui, assicura ExpertFile, sarà possibile mettersi in contatto in circa quindici minuti.

L’aiuto per il giornalista diventa così duplice. Non solo un tool che permetta di ottenere risposte in poco tempo, ma anche un’opportunità per superare stereotipi e riluttanza . Secondo una ricerca commissionata da ExpertFile, il 90% dei docenti delle università inglesi evita infatti di collaborare con la stampa perché non si fida o, semplicemente perché non sa come fare.

Per saperne di più, continua a leggere su journalism.co.uk