Artisti, scienziati, atleti, impiegati, studenti. Cos’hanno in comune? Quando l’impegno e la determinazione non bastano per realizzare le proprie ambizioni, entrano in scena le sostanze dopanti. Già presenti ai tempi dell’Antica Grecia, nel nuovo Millennio hanno trovato nella pigrizia degli studenti nuovi fruitori. Protagoniste silenziose di competizioni sportive e professionali, oggi sono una piaga sempre più difficile da estirpare.