Crinkling News, il settimanale australiano interamente dedicato ai ragazzi, vuole aiutare i suoi giovani lettori ad acquisire la “cultura dei media”. Saffron Howden, fondatrice del periodico ed ex giornalista del Sydney Morning Herald e del Daily Telegraph, è sempre più convinta della necessità di creare una comunicazione adatta a un pubblico più giovane. L’approccio destinato agli adulti non può essere valido per i teenager. In un mondo costellato da problemi, è fondamentale “abbattere le paure, spiegando in termini più basilari cosa sta succedendo”, sostiene Howden. “Molti genitori spengono la TV quando ci sono i notiziari o controllano i quotidiani prima di lasciarli leggere ai figli”.

Per questo motivo, ad esempio, dopo l’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca, Crinkling News ha cercato di spiegare ai suoi lettori il funzionamento dell’ordinamento statunitense, per rassicurare sull’esistenza di controlli interni al sistema che impediranno a Trump di esercitare un potere incontrastato. Analogamente, dopo l’attacco terroristico a Londra del marzo scorso, il settimanale ha aperto una rubrica per rispondere a domande fondamentali come: “Che cos’è il terrorismo?”. Howden ha spiegato che il giornale non ha raccontato in modo dettagliato come sono stati condotti gli attentati, perché l’obiettivo è “dare una maggiore conoscenza per aiutarli a essere meno spaventati”.

Per creare Crinkling News, Howden si è ispirata ad altri periodici per i più giovani, come Time for Kids, costola del Time, o al francese Le Petit Quotidien.  In particolare, ha detto di essere rimasta impressionata da come quest’ultimo abbia gestito la notizia degli attacchi di Parigi, dando ai bambini la possibilità di porre domande su ciò che era accaduto. Attualmente Crinkling News ha circa 30mila lettori in tutta l’Australia, e il numero è in crescita.

 

⇒Per saperne di più leggi su Niemanlab