Il 62% degli Americani tra i 18 e gli over 65– rispetto al 49% del 2012 – si informa sui social media e tra questi il 18% dichiara di farlo spesso.

Sono questi i dati che emergono dall’ultima ricerca condotta dal Pew Research Center in collaborazione con la John and James Knight Foundation, su un campione di 4,654 americani monitorati dal 12 gennaio all’8 febbraio 2016.

La ricerca è nata con l’intento di rispondere ad alcune specifiche domande:

  1. Qual è il social media più usato per informarsi?
  2. Qual è quello che in base al numero di iscritti ha anche la maggior percentuale di utenti che utilizzano la piattaforma per informarsi e per cercare le news?
  3. Qual è la percentuale di persone che si informano sui social network imbattendosi per caso nelle notizie quando stanno facendo altre cose online, rispetto a chi invece quelle notizie le sta proprio cercando?

Dai dati raccolti è emerso come il social network più usato per la ricerca di informazioni in rete è Reddit – piattaforma che in Italia non ha ancora un grande successo – con circa il 70% del campione. Al secondo posto, invece, si torva Facebook con il 66%. Seguono Twitter (59%), Tumbler (31%), Instagram (23%), Youtube (21%), Linkedin (19%), Snapchat (17%) e Vine (14%).

Facebook, invece, è al primo posto per quanto riguarda la percentuale tra gli iscritti, il 67% del campione, e chi utilizza il sito per informarsi, il 44% degli utenti. All’ultimo posto si trova Youtube in cui, su un 48% di iscritti, solo il 10% utilizza il canale per le news. Twitter, nonostante abbia una bassa percentuale di iscritti (16%), presenta il 9% di utenti che utilizzano la piattaforma per le notizie.

Altro dato molto interessante è la differenza, nei vari social network, tra utenti che fruiscono le news attivamente o passivamente. Su Facebook, Instagram e Youtube, il 60% circa del campione ammette di imbattersi nelle notizie mentre sta facendo altro sul sito, e solo il il 40%, invece, dichiara di cercare le notizie appositamente. Per quanto riguarda, invece, LinkedIn, Twitter e Reddit, la percentuale è più o meno l’opposto, con un 55% di utenti attivi e un 45% circa di utenti passivi.

⇒ Continua a leggere su Journalism.org