Dopo le feste, ritorna la rubrica di Magzine con i nostri consigli su film e serie tv. Il 2021 è iniziato con una cosa in comune: la speranza di una rinascita, di un nuovo anno per noi stessi e per il futuro. A preoccupare al momento è lo spettro di una recessione economica e la prospettiva di chiusura di numerose attività. Le proposte di questa settimana riguardano proprio l’economia e la finanza nella loro moltitudine di profili, sfavillanti e crudeli allo stesso tempo. Buona visione.

NATALE CIAPPINA CONSIGLIA: L’ARTE DI VINCERE

L’arte di vincere parla di cose solitamente considerate noiose, il baseball e l’economia; però non si concentra su nessuna delle due in particolare, ma anzi le fonde insieme – in quelle che oggi sono note come ‘statistiche avanzate’, cioè qualcosa di ancor più soporifero, in teoria. È uno di quei film pieni di metafore, con storie struggenti a reggerne una narrazione che fa il suo corso senza particolari colpi di scena. E non ha neanche quei climax esaltanti dei più famosi film sportivi di Hollywood. A parte questi dettagli, L’arte di vincere è un capolavoro. Il protagonista, interpretato da Brad Pitt, è Billy Beane, general manager degli Oakland Athletics, una piccola squadra della MLB che non riesce a vincere da ormai troppo tempo. Ha un budget molto scarso, che non gli permette di competere con gli avversari, a cui cede i propri migliori giocatori ogni anno, per rientrare coi conti. È una sorta di loop, da cui Beane prova a uscirne: puntando su idee nuove, e resistendo sempre, anche quando tutte le scelte fatte sembrano essere sbagliate, e i risultati non arrivano. A volte, però, è solo una questione di tempo.

Disponibile su Netflix

GIACOMO COZZAGLIO CONSIGLIA: FUNNY MONEY – COME FARE I SOLDI SENZA LAVORARE

Si dice che per avere successo occorre conoscere qualcuno. Vale anche nel mondo della finanza americana dove sembra che a contare siano soprattutto i soci. Tutti rigorosamente uomini. Così quando Whoopi Goldberg si vede sfuggire una promozione in quanto donna, decide di mettersi in proprio con un nuovo socio: Robert Cutty. Quale è il trucco? Semplice: il signor Cutty non esiste. Assistiamo così ad una commedia degli inganni, ad un gioco di specchi capace di strappare un sorriso nonostante l’immagine maligna che molti di noi hanno dell’alta finanza. Ma anche una riflessione sottile sui lati più meschini e infine maschilisti del mondo degli affari. In conclusione, chiunque potrebbe essere un buon socio. E quindi ci rimane una domanda senza risposta: chi è davvero Robert Cutty?

Disponibile su Youtube e Dvd

EMILIANO DAL TOSO CONSIGLIA: THE WOLF OF WALL STREET

Un party edonista e autodistruttivo di tre ore, sniffando cocaina, fumando crack, giocando al tiro al bersaglio con i nani, spendendo e scopando senza limiti e freni inibitori. Tra i migliori cinque film di Scorsese di tutti i tempi, perché nessun altro riesce a ritrarre la vitalità e la gioia di chi si sta fottendo il mondo raccontando nello stesso tempo la miseria della natura umana. Beffardo, inquietante, senza tregua. Una tragedia contemporanea che si vede e si vende come una commedia di cialtroni.

Disponibile su Amazon Prime Video

GIOVANNI DOMASCHIO CONSIGLIA: LA GRANDE SCOMMESSA

Sappiamo tutti che nel 2008 una gravissima crisi ha investito l’economia dell’intero mondo, e in molti probabilmente ricorderanno che è partita dal mercato immobiliare statunitense. Cosa è successo, però, nello specifico? E, soprattutto, è possibile comprendere i meccanismi finanziari che hanno scatenato la crisi anche senza avere una laurea in economia? La risposta a queste domande la si ottiene guardando La Grande Scommessa, film che narra le vicende di persone che quella crisi l’avevano prevista ed annunciata, a costo di esser presi per pazzi. Tramite frequenti rotture della quarta parete ed il coinvolgimento sia di esperti in materia come Richard Thaler che di celebrità pop come Selena Gomez, lo spettatore è preso per mano e portato lungo tutta la spirale distruttiva di inganni e speculazioni che ha causato la crisi che cambiò faccia al 21esimo secolo.

Disponibile su Amazon Prime Video