Anche se i cinema sono stati chiusi per gran parte del 2020, quest’anno i film arrivati in Italia sono stati molti. Molte pellicole, come il prossimo 007, sono state rimandate all’anno prossimo, ma tante altre hanno trovato spazio fra i cataloghi dei servizi in streaming, o sono state pubblicate direttamente in homevideo.Noi di Magzine abbiamo quindi di districarci fra le uscite cinematografiche dell’anno, scegliendo cinque fra i migliori film dell’anno.Abbiamo fatto lo stesso con le serie tv, in caso abbiate voglia di qualcosa di un po’ più lungo di un film.

 

GIACOMO COZZAGLIO CONSIGLIA: ONWARD – OLTRE LA MAGIA

Il mondo spesso sembra non concederci più occasioni per stupirci o per condividere davvero le gioie con le persone care. Due desideri che si uniscono grazie alla magia. E proprio in una terra di elfi, centauri e folletti che vivono come ai giorni nostri, Ian e Barley scoprono un incantesimo per poter trascorrere del tempo con il padre scomparso. Ma hanno solo un giorno per completare l’incanto. Da qui non inizia solo un viaggio o un’avventura, ma una ricerca di se stessi e su ciò che rende davvero speciale la vita. Ma è davvero possibile provare gioia nonostante un velo di tristezza? Il dolore non è inevitabile e il vuoto lasciato da una persona cara non si riempie facilmente. Eppure Ian e Barley mostrano che lo si può superare grazie alla magia più potente che esista: la presenza al nostro fianco e nei nostri cuori di coloro che amiamo.

Disponibile in Bluray e dal 6 gennaio in streaming su Disney+

 

ANNAROSA LAURETI CONSIGLIA: JOJO RABBIT

A dieci anni avere un amico immaginario è cosa comune. Strano però quando il compagno di giochi in questione ha curiosi baffi e di nome fa Adolf. In una Germania sull’orlo del tracollo, Taika Waititi ambienta una favola dolce amara, il cui piccolo protagonista diviene simbolo delle conseguenze dell’indottrinamento di un regime totalitario. Per Jojo non c’è cosa più bella che trascorrere le vacanze estive bruciando libri, lanciando granate e inneggiando al Führer ma quando la vita sembra essere semplicemente perfetta, ecco che il fato ci riserva una delle sue sorprese. Cosa fare quando in casa propria si nasconde il peggiore dei nemici? Essere fedeli al Reich o ascoltare il proprio cuore? Scelta difficile ma la guerra è in fondo anche questo: diventare adulti prima del previsto dimostrando a tutti il proprio coraggio.

Disponibile su Sky, NowTV e Google Play

 

GIOVANNI DOMASCHIO CONSIGLIA: L’INCREDIBILE STORIA DELL’ISOLA DELLE ROSE

Immaginate una piattaforma d’acciaio e cemento, costruita al largo di Rimini, 500 metri oltre il confine delle acque territoriali italiane. Una zona franca fuori dalla giurisdizione della Penisola se si pensa in piccolo, addirittura un possibile nuovo stato sovrano a voler fare le cose più in grande. È una vicenda assurda, già negli antefatti, e come tantissime storie incredibili si ispira a fatti realmente accaduti. Un fantastico Elio Germano veste ora i panni di Giorgio Rosa, ingegnere bolognese che, stufo di dover vivere seguendo le regole e le leggi italiane, a ridosso del fatidico 1968 decide di costruire un “mondo tutto suo”, dando vita all’Isola delle Rose. Il film vi farà più volte sorridere, con uno humor mai banale o grossolano, ma vi porterà anche a riflettere sulla complessità di leggi e relazioni internazionali, raccontando quello che è stato un precedente unico nella storia del continente, che arrivò ad allarmare l’intera classe politica dello Stivale e che coinvolse persino il Consiglio d’Europa.

Disponibile su Netflix

 

NATALE CIAPPINA CONSIGLIA: DIAMANTI GREZZI

Guardare Diamanti Grezzi mi ha dato una sensazione simile a quella vota in cui non dormivo da un giorno intero, ma ho comunque bevuto un bel po’ di Red Bull per restare sveglio: anche se ero stanchissimo, una volta arrivato a letto non riuscivo ad addormentarmi in nessun modo tanto batteva forte il cuore, mentre montava l’ansia di non riuscire a prendere più sonno; è stato brutto, una specie paranoia dalla quale non sembrava esserci via d’uscita. Diamanti Grezzi parla di una storia che mi ha fatto qualcosa di molto simile; qui le possibilità di dare una svolta alla propria vita si incrociano con rischi enormi: più grande è l’opportunità, più alto è il rischio di perdere tutto; e a ogni soluzione, ecco un altro problema a vanificare il resto. Sono pochi i film che riescono a restituire emozioni tanto stratificate e così forti; e soprattutto, sono ancora meno i film con un Adam Sandler così in forma.

Disponibile su Netflix

 

MARIANNA MANCINI CONSIGLIA: RICHARD JEWELL

Olimpiadi di Atlanta, 1996. La guardia giurata Richard Jewell accortosi di uno zaino contenente materiale esplosivo avverte la polizia che inizia ad evacuare il Centennial Olympic Park, riuscendo ad evitare una strage. Dapprima considerato un eroe nazionale, Richard diventa il principale sospettato, comprendendo a sue spese che la presunzione d’innocenza è un principio calpestato proprio da coloro che dovrebbero incarnare i più alti valori costituzionali. L’atto d’accusa – denuncia il suo avvocato – gli è mosso da due forze in apparenza inarrestabili: il governo degli Stati Uniti d’America e la stampa. Un uomo mortificato dal pregiudizio ed esposto alla pubblica gogna viene tradito dagli stessi ideali che lo hanno formato. Un film dai toni kafkiani, diretto da Clint Eastwood. Una storia tristemente vera.

Disponibile su Google Play e in Bluray