Dopo la pausa estiva, ritorna per i lettori di Magzine la nostra rubrica dedicata al cinema e alle serie TV. Dopo l’esperimento di Cinedecameron, quest’anno inauguriamo Cineweek, brevi proposte tutte collegate al tema principale della settimana deciso dalla redazione. Ma con uno sguardo sempre rivolto all’attualità. Questa settimana esordiamo con la scuola, ripresa nel nostro Paese tra non poche difficoltà. La scuola è però un universo dove può succedere tutto: incontri che ti formano per la vita, amicizie che durano nel tempo, lezioni a volte dolorose… A scuola non sarà tutto perfetto, ma essa contribuisce in ogni modo a formare i giovani e a prepararli alla più complessa e meravigliosa delle avventure: la vita.

GIACOMO COZZAGLIO CONSIGLIA: L’ATTIMO FUGGENTE

«Carpe diem. Cogli l’attimo». Poche parole ma potenti pronunciate dal professor John Keating (Robin Williams). Per gli studenti del Welton College è l’inizio della vera crescita, quella che non si studia sui libri di testo. Perché la vita è talmente meravigliosa che ognuno deve viverla da protagonista, far fiorire la propria personalità. O come dice il professor Keating: «Figlioli, dovete combattere per trovare la vostra voce». Peter Weir trasporta lo spettatore in un viaggio tra i banchi di scuola mostrandoci che spesso le lezioni più importanti non avvengono in modo convenzionale: salire sui banchi, camminare, tirare un pallone. Gesti semplici ma più educativi di mille lezioni.

Disponibile su DVD, Google Play, Prime Video

MANUEL SANTANGELO CONSIGLIA: L’ONDA

A volte si tende a sottovalutare la forza dei totalitarismi, pensando che si tratti di esperienze talmente estreme nella loro tragicità da non essere ripetibili. Film come L’onda ci ricordano che non è così e che esiste il rischio concreto che, replicando determinati gesti e certe convenzioni, si possa ricreare qualcosa di simile. Prendendo spunto da un esperimento sociale americano realmente accaduto e subito abortito (ispiratore a sua volta di un libro di successo), la pellicola tedesca segue una classe, convinta dal proprio insegnante a creare il movimento di stampo autoritario che dà il titolo al film. L’esperimento esce presto dalla scuola, portando a drammatiche conseguenze che servono a rammentare come, a giocare con certi fuochi, il rischio è scottarsi sempre.

Disponibile su Amazon Prime

VIVIANA ASTAZI CONSIGLIA: NON UNO DI MENO

All’inizio di un anno scolastico mai così precario, scisso tra lezioni online e in presenza, quale film migliore di questo – Leone d’Oro a Venezia nel 1999 – per denunciare la piaga dell’abbandono della scuola in Paesi molto poveri? Ambientato in un villaggio della Cina rurale, commuove e fa stringere il cuore vedere una giovane supplente di appena 13 anni unire le forze con i propri alunni per riportare in classe un bambino costretto a cercare lavoro e a perdersi in città per ripagare i debiti della propria famiglia. Una lenta odissea dal lieto fine forse affrettato, ma che regala comunque emozioni. In un momento storico difficile come questo, il film sa ispirare: nessun ostacolo è troppo grande, se c’è amore e passione per ciò a cui si tiene. Sta anche alla scuola indicare la giusta via.

Disponibile su DVD

NATALE CIAPPINA CONSIGLIA: RAGAZZE A BEVERLY HILLS

Clueless (titolo originale del discutibile adattamento italiano Ragazze a Beverly Hills) è una commedia adolescenziale talmente anarchica da sconfinare nel visionario. Non ci sono drammoni vissuti da liceali un po’ sfigati, ma c’è Cher: una bionda svampita, strafiga, ricca, determinata e sempre pronta ad aiutare il prossimo. Insomma, una ragazza che starebbe sulle scatole a chiunque abbia frequentato un liceo, ma che qui è invece la protagonista di un coming of age dalle premesse un po’ banali, ma stravolte da un intreccio talmente acido che manco Jodorowsky. Gran merito ce l’ha la scrittura dei personaggi, i cui desideri e preoccupazioni sono presi talmente sul serio da sfociare in situazioni surreali, esasperate poi da battute ricche di reference alla meglio cultura pop anni ’90. Il finale, poi, è potenzialmente da arresto.

Disponibile su Netflix, Apple TV

CLAUDIO ROSA CONSIGLIA: QUELLI DELL’INTERVALLO

Tredici ragazzi che, ogni giorno, durante l’intervallo scolastico si ritrovavano davanti alla finestra del corridoio dell’istituto delle scuole medie a discutere sui soliti argomenti quotidiani e a combinare guai imprevedibili.  fv , show andato in onda su Disney Channel dal 2005 al 2008, racconta semplicemente la storia di ragazzi normali, che vivono la loro vita come ogni adolescente farebbe. E lo fa nel modo più facile possibile, con leggerezza, ricordandoci che la scuola è soprattutto un luogo di aggregazione, tra amicizie, amori, e quella spensieratezza che non dovrebbe mai mancare in quell’età.

Disponibile su Disney +, Youtube